Dai pressi della Tana se ne sente già il frastuono, e affacciandosi sulla terrazza lo si può ammirare: è il Fontanone Barman, impressionante e suggestiva cascata che sgorga dal versante nord dei monti Musi.

Poco sopra Lischiazze, le pareti di natura carsica raccolgono gran parte delle precipitazioni (e in queste località ne cadono veramente tante, siamo nella zona più piovosa d’Italia) e le incanalano in canaloni, gallerie e grotte dentro la roccia, rendendo la montagna un enorme groviera.

L’acqua esce poi da numerose risorgive formando una serie di fragorose cascate, con un salto complessivo di oltre 70 m. Alla base le acque cristalline vanno a formare uno splendido  laghetto blu scavato nella roccia che ha ispirato diverse leggende nella valle.

Per raggiungere la cascata si può fare una breve passeggiata dalla Tana, seguendo una facile mulattiera immersa in una splendida faggeta che ci porta in una ventina di minuti alla base del Fontanone. Oppure potete percorrere l’anello del sentiero CAI 703 / Sentiero Naturalistico del Barman che permette di salire fino alla risorgiva e ammirare il salto dell’acqua da sopra! Una camminata tranquilla da fare in mezza giornata, facendo solo attenzione al terreno coperto di foglie a volte scivoloso.

Il Fontanone Barman è anche uno dei Geositi del FVG che potete trovare in Val Resia per le sue caratteristiche geomorfologiche ed idrogeologiche particolarmente interessanti.

(Fonte: www.parcoprealpigiulie.it)