È il primo percorso consigliato per iniziare a conoscere il campo di battaglia della Val Resia: porta il visitatore sul teatro degli aspri combattimenti di San Giorgio del 27 - 28 ottobre 1917,  propone l'esplorazione delle postazioni d'artiglieria italiane edificate nel secondo anno di guerra, nonché l'osservazione di una bella epigrafe dell'artiglieria da fortezza, della stazione di partenza della teleferica militare che saliva a Sella Carnizza e delle suggestive vestigia del cimitero di guerra di Prato. Interessanti, infine, si ravvisano la mulattiera ampliata dai lavoratori dipendenti dalla Zona Carnia tra Prato e Zamlin (2), un edificio che secondo le memorie locali ospitava un posto di medicazione (3) e l'antica centrale idroelettrica di Rio Barman, già attiva durante il conflitto (6).

Durante l’escursione lo Storico Marco Pascoli ci farà rivivere i drammatici momenti vissuti dai soldati durante una delle più importanti battaglie della Val Resia, mentre i naturalisti della “Tana in Val Resia” ci racconteranno l’ambiente, la fauna e la flora che a distanza di 100 anni ospita gli ormai silenziosi versanti della valle.

Tutte le informazioni

Data:
October 13, 2019
Orario di inizio:
Durata:
3 ore
Luogo di ritrovo:
La Tana in Val Resia (località Lischiazze)
Difficoltà dell'escursione:
Per tutti
Equipaggiamento consigliato:
Abbigliamento comodo e scarpe da trekking, bastoncini da trekking opzionali, si consiglia di portarsi appresso dell’acqua
Note:
Prenotazione obbligatoria! Possibilità di pernottamento in struttura!
Quota di partecipazione:

Il nostro network

Naturama è un esperimento unico in Italia e tra i primi in Europa: un centro naturalistico permanente, all’interno di un grande centro commerciale. È composto da una parte di museo, con laboratori e aule multimediali, e una serra tropicale, che ospita animali vivi. Naturama è dedicato soprattutto a ragazzi e famiglie.

Maggiori informazioni →

La Casa delle Farfalle è il più grande complesso di serre tropicali in Italia, con circa 1000 metri quadri di serre climatizzate nelle quali sono ricostruite 3 differenti tipologie di foresta tropicale: africana, asiatica e amazzonica. In questo straordinario ambiente centinaia di farfalle volano libere in mezzo ai visitatori.

Maggiori informazioni →

Farfalle nella testa è probabilmente la più importante realtà che si occupa di scienza, natura e turismo naturalistico in regione. È un organismo no-profit, costituito da un gruppo di "professionisti della natura" che si occupano di comunicazione della scienza: progettazione e gestione di strutture naturalistiche, educazione non formale, comunicazione, cittadinanza scientifica.

Maggiori informazioni →

4life è un progetto nato per sostenere l'allevamento di farfalle e altri insetti, e quindi i piccoli allevatori che lo praticano nei paesi tropicali. Acquistare farfalle e insetti preparati, oltre a essere un modo per educare alla biodiversità e alla bellezza della natura, sostiene allora i produttori durante i mesi più freddi in cui vi è meno richiesta da parte delle butterfly house in occidente.

Maggiori informazioni →